Posted on

Nell’altrimenti così tranquilla Naarden è stato improvvisamente molto affollato la scorsa notte. Con il dispiegamento di ufficiali armati in giubbotti antiproiettile, cani poliziotto e persino un elicottero, il tranquillo villaggio milionario è sembrato brevemente il luogo delle riprese di un film. L’azione si è svolta presso l’ex villa di John de Mol. Igor Alberts attualmente risiede qui. Quel nome ha suonato un campanello, perché è conosciuto come un controverso trader di criptovalute.

Vuoi investire tu stesso in sicurezza in criptovalute? Questo è possibile all’olandese Bitvavo!

Cosa stava succedendo intorno al trader di criptovalute olandese?

Sul sito di De Telegraaf si legge che ieri sera c’è stata un’azione presso l’ex villa di John de Mol sul Meentweg a Naarden. La polizia rimane sul vago su cosa sia successo esattamente. Viene indicato che c’era una situazione sospetta con uomini forse armati, dopo di che è stata intrapresa un’azione. Le voci di un raid della polizia sono state smentite. L’articolo afferma che la ricerca è stata condotta nel campo di “What Dreams May Come”, una società di Igor Alberts e Andreea Cimbala. La polizia potrebbe ottenere più lavoro su questa azione di quanto si sospetti, perché questi nomi suonano un campanello d’allarme nel mondo delle criptovalute. Cryptoclan.it è positivo.

Perché il trader di criptovalute Igor Alberts è controverso?

Il trader di criptovalute olandese Igor Alberts e la sua compagna Andreea Cimbala sono piuttosto eccentrici per non dire altro. La coppia afferma di avere 12 figli e di guadagnare con il marketing multilivello online (marketing MLM). Sono stati anche i più venduti su una delle più grandi truffe crittografiche al mondo, OneCoin. OneCoin sembrava una criptovaluta in cui le persone potevano guadagnare rendimenti altissimi. Tuttavia, non si tratta tanto di scambiare la valuta, ma di reclutare nuovi partecipanti.

In breve, i partecipanti dovevano acquistare pacchetti di OneCoin per partecipare alla community. Una volta fatto ciò, hanno dovuto reclutare loro stessi nuovi partecipanti e convincerli ad acquistare uno o più pacchetti. Hanno quindi guadagnato una commissione sui pacchetti acquistati dai nuovi partecipanti. Quando questi nuovi partecipanti a loro volta trovavano nuovi partecipanti, ricevevano anche una percentuale di quegli acquisti. Nel tempo, si è rivelato essere un classico schema piramidale.

Il trader di criptovalute in cui l’azione era ora (b) sembrava avere molto successo in questo modello di entrate. Secondo il loro sito web, a settembre 2015, hanno rivendicato il loro primo mese, 89.000 euro, con la loro scommessa per OneCoin, che all’epoca era ancora operativo dalla Bulgaria. Tuttavia, il 30 settembre 2015, il governo bulgaro ha già messo in guardia sulle attività di questa organizzazione. L’azienda ha quindi deciso di trasferirsi in altri paesi. Alberts ha continuato e i guadagni di questo trader di criptovalute devono essere stati enormi. Shiba Inu notizie è positivo.

OneCoin rende milionaria la coppia di imprenditori

Ad esempio, la coppia di imprenditori acquista l’ex villa di John de Mol a Naarden, che era in vendita per poco meno di 2,5 milioni di euro. Nel 2017 pubblicano un video su YouTube in cui fanno un giro della loro casa. Uno sguardo alla villa, dove ieri sera ha dovuto lavorare la polizia, mostra che il cripto commerciante olandese e sua moglie hanno un gusto piuttosto eccentrico e non si preoccupano degli interni. Indicano anche chiaramente di aver guadagnato questa dimora con OneCoin.

È sorprendente che il video sia stato pubblicato ad agosto 2017, mentre lo scambio OneCoin era già chiuso a gennaio 2017. Nel frattempo, le persone in tutto il mondo sono impegnate a perseguire le cifre dietro OneCoin. Abbiamo riferito in precedenza che le punizioni che vengono comminate non sono tenere. Tra agosto 2017 e la fine dell’anno, anche Igor e il suo partner sono giunti alla conclusione che OneCoin non sta andando bene. In un’ampia dichiarazione prendono le distanze dall’organizzazione.

La storia non finisce ancora qui. Il trader di criptovalute continua con un’altra moneta crittografica che può essere messa in discussione.

Il trader di criptovalute continua a Dagcoin

Dopo che Alberts e il suo partner hanno voltato le spalle a OneCoin, insieme a molti altri che erano attivi in questa organizzazione, si stanno concentrando su un nuovo progetto crittografico. Anche questa moneta, il Dagcoin, anch’essa fondata da un ex venditore di OneCoin, è molto controversa. Il sistema ruota attorno a pacchetti educativi che devono essere acquistati online con Dagcoin. Inoltre, la moneta non può essere scambiata sui normali scambi di criptovalute, ma solo sulla propria piattaforma. Secondo i ricercatori, la commissione può arrivare fino al 45%. Questi ricercatori quindi concludono che anche la nuova valuta è una truffa.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *